MARIO VITTORINO E IL «DE DEFINITIONIBUS» NELL’OPERA ESEGETICA E MANUALISTICA DI CASSIODORO

Patrizia Stoppacci

Resumo


Mario Vittorino, retore pagano vissuto nel sec. IV, è da sempre indicato come una delle fonti principali dell’opera esegetica e manualistica di Cassiodoro[1]. Tra le opere che gli vengono ascritte si ricordano soprattutto la traduzione dell’Isagoge di Porfirio e i trattati logici dedicati a sillogismi ipotetici, definizioni e topica, testi che hanno esercitato una grandissima influenza nella stesura dell’Expositio psalmorum (= EP)[2] e nella compilazione del libro II delle Institutiones (= INST)[3] di Cassiodoro, dedicato alle saeculares litterae, tra le cui pagine l’autore tardoantico è effettivamente menzionato o citato più volte. Lo scopo di questo contributo, tuttavia, è quello di smentire tale ipotesi e di dimostrare quanto segue: a) che Cassiodoro conosceva l’opera di Mario Vittorino meno bene di quanto comunemente si pensi; b) che nel momento in cui si è dedicato alla stesura dell’EP e delle INST, Cassiodoro non possedeva una copia integrale del De definitionibus (= Def), ma probabilmente una raccolta di excerpta messi insieme di sua mano per fini compilatori. 

[1] Per i dati biografici e l’opera completa di Mario Vittorino si rimanda a P. Hadot, Marius Victorinus. Recherche sur sa vie et ses œuvres, Paris 1971, pp. 13-57 (con notizie biografiche). Cf. anche la voce C. Marius Victorinus, in Nouvelle histoire de la littérature latine. V: Restauration et renouveau, cur. R. Herzog – P.  Lebrecht Schmidt, Turnhout 1993, pp. 390-404 (con molti aggiornamenti).  

[2] Edizioni in: J. Garet (ed.) Magni Aurelii Cassiodori Senatoris uiri patricii, consularis et Viuariensis abbatis opera omnia in duos tomos distributa ad fidem manuscriptorum codicum emendata et aucta, notis, obseruationibus et indicibus locupletata … opera et studio J. Garetii monachi ordinis Sancti Benedicti et Congregatione Sancti Mauri, in Patrologiae cursus completus. Series Latina, cur. J.-P. Migne, vol. LXX, Parisiis 1847, coll. 9-1056; M. Adriaen (ed.), Magni Aurelii Cassiodori Expositio psalmorum, Turnhout 1958 (CCSL, 97-98); P. Stoppacci, Tra Costantinopoli e Vivarium. Fonti greche e fonti latine nel Commento ai Salmi di Cassiodoro, «Euphrosyne» 44 (2016), pp. 103-26.

[3] Cfr. R.A.B. Mynors (ed.), Cassiodori Senatoris Institutiones, Oxford 1937. Per una rassegna aggiornata delle fonti del manuale (autori e opere) si rimanda alla traduzione tedesca con commento di: A. Pronay, Cassiodorus Senator. Einführung in die geistlichen und weltlichen Wissenschaften (Institutiones divinarum et saecularium litterarum), Hildesheim 2014 (Spudasmata, 163); P. Stoppacci, Liste di autori nell’opera manualistica di

Cassiodoro: le ‘Institutiones’ tra la scuola antica e la bibilioteca di Vivarium, «Filologia mediolatina» 24 (2017), pp. 1-48.


Texto completo:

PDF

Apontamentos

  • Não há apontamentos.




Signum Revista da ABREM (ISSN 2177-7306) - Associação Brasileira de Estudos Medievais - Rua Professor Marcos Waldemar de Freitas Reis (UFF/Instituto de História). Bairro: São Domingos. Niterói-RJ CEP: 24210-201